Motogiro d’Italia

"Frenando alle curve per poi lanciarsi di nuovo in rettilineo, i corridori in salita procedono a strappi, come gocce di pioggia sui vetri. Questo è il giro la più bella e perfida delle corse"

LA STORIA

ll Motogiro d’Italia è la rievocazione storica della più antica e prestigiosa gara motociclistica italiana a tappe.

Nato nel 1914, il Motogiro tocca i suoi vertici grazie alla Federazione Motociclistica Italiana tra il 1953 e il 1957, quando diventa una vera e propria leggenda per gli appassionati delle due ruote. L’avventura finisce nel 1957, anno dell’abolizione di tutte le gare su strada dopo il terribile incidente alla 1000Miglia.

Nato nel 1914, il Motogiro tocca i suoi vertici grazie alla Federazione Motociclistica Italiana tra il 1953 e il 1957, quando diventa una vera e propria leggenda per gli appassionati delle due ruote. L’avventura finisce nel 1957, anno dell’abolizione di tutte le gare su strada dopo il terribile incidente alla 1000Miglia. Ritorna nel 67, 68, 69 sempre grazie alla Federazione, ma con la formula della regolarità. Il Moto club Terni ha rilanciato la manifestazione nel 1989 ottenendo da subito uno strepitoso successo di partecipazione e dal punto di vista della copertura media, successo accresciuto nel gli anni a seguire . Il Motogiro d’Italia viene riproposto nel 2011 nella veste della commemorativa edizione del ventennale e può contare, su un pubblico affezionato e su partecipanti entusiasti di tornare ancora una volta a rivivere lo spirito sportivo e la passione degli anni d’oro del motociclismo. Le edizioni dal 2001 al 2007, realizzate grazie al supporto del main sponsor Ducati Motor, hanno segnato la rinascita del Motogiro d’Italia, ospitando il meglio della produzione motociclistica italiana: Ducati, Morini, Moto Guzzi, Benelli, MV Agusta, Bianchi, Gilera.

 

Motogiro d'Italia 2018

Alle edizioni hanno preso parte i campioni del Motogiro anni cinquanta – Giuliano Maoggi, Remo venturi (che partecipa ancora oggi), Leopoldo Tartarini – insieme a numerosi partecipanti provenienti da tutto il mondo.
Si tratta senz’altro di un evento che racchiude un’importanza sportiva, economica , turistica e culturale di primo piano, un appuntamento che ha un “posto” ben definito nel panorama internazionale; esso può essere individuato attraverso caratteristiche ben precise: genere, immagine, risonanza presso il pubblico ed i mass-media. L’importanza che tale manifestazione ha in Italia ed all’estero, è testimoniata dalle numerose richieste di partecipazione pervenute.
Inoltre, a parte la promozione sportiva specifica, la manifestazione compie per il territorio e per l’intera immagine italiana, un’azione promozionale economica notevole. Il target si può identificare nella fascia medio-alta, d’età media compresa tra i 18 ed i 55 anni.

1901

Il Motogiro affonda le radici nella tradizione europea delle corse su strada che nel Belpaese ebbero inizio con il Giro automobilistico d’Italia, del 1901, quando con il termine “automobili” venivano definiti tutti i mezzi a motore. Tale gara era aperta tutti “gli automobili”, ovvero a motocicli, vetturette e vetture.

1914

La competizione esclusivamente riservata alle moto ha preso origine dal primo Circuito d’Italia organizzato nel 1914 dall’Unione Sportiva Milanese e dalla Gazzetta dello Sport, che fu il primo giro motociclistico della Penisola[2][3].

1953

Il Motogiro venne corso dal 1953 al 1957, anno in cui le corse su strade cittadine vennero proibite a causa dell’ incidente di De Portago alla Mille Miglia.

La partenza e l’ arrivo si tenevano a Bologna, e la durata media della gara, divisa a tappe da percorrere in sei giorni, era di circa 3000 km.

La manifestazione richiamava un numero impressionante di appassionati.  Nel corso dell’ anno, il Motogiro d’Italia era la prima manifestazione che si teneva per le strade italiane, nei mesi di Marzo – Aprile,  seguito dalla Mille Miglia  che si correva a Maggio, per continuare con la Milano Taranto a Luglio.

Le grandi case motociclistiche come Benelli, Ducati, Laverda, Moto Morini, MV Agusta, Mondial, si contendevano la vittoria in categorie che andavano dalla classe 75 cc fino alle 175 cc.

1989

Il «nuovo» Motogiro d’ Italia è una manifestazione commemorativa che si svolge sotto il diretto patrocinio della FMI (Federazione Motociclistica Italiana) e FIM. I motoveicoli partecipanti sono, di regola, moto stradali (o da regolarità) prodotte negli anni del Motogiro, ma di recente è stata autorizzata la partecipazione di altri modelli non correlati agli anni 1953 – 1957. Il motoclub Terni «Libero Liberati e Paolo Pileri»  dal 1989 gestisce l’ organizzazione per la rievocazione storica del Motogiro,  proponendo ogni anni percorsi nuovi e seguendo le iscrizioni dei partecipanti alla manifestazione. Oltre cinquanta persone compongono lo staff al seguito della manifestazione; dal personale per la logistica, ai commissari di percorso, alle staffette in moto.

LEGGENDE DELLE DUE RUOTE

ALBO D’ORO 1953 – 1957

LA MANIFESTAZIONE OGGI

LE CATEGORIE

HERITAGE

Motoveicoli di tutte le cilindrate dal 1914 al 1949

RIEVOCAZIONE STORICA

Per i motoveicoli di Classe 75, Classe 100 ,Classe 125, Classe 175 cc

VINTAGE

Per tutti le moto prodotte tra il 1967 ed il 1969

CLASSICA

Per le moto prodotte tra il 1970 ed il 1980

MOTOGIRO

Per le moto prodotte dal 1981 ad oggi

TURISTICA

È dedicata a chi desidera partecipare all’ evento come turista, senza prendere parte alla competizione.

IL MOTOGIRO IN NUMERI

ISCRIZIONI

0
Iscritti stranieri
0
Iscritti italiani

IN MOTO

0
Chilometri percorsi di media ogni Motogiro
0
I marchi storici del Motociclismo in gara

PEOPLE

0
Le persone coinvolte nell'organizzazione
0
I campioni di ogni edizione
Menu